Ah, invecchio, invecchio! ormai sono finito,
dice l’anno: la vista mi si annebbia,
sono giallastro in viso e una per una
le mie bellezze vedo sparse a terra;
facilmente piango, o son sull’orlo,
e ho caldo e freddo nello stesso tempo:
fra poco, ahimé, sarò lungo stecchito.
Ma no, dai, non sei finito ancora:
un po’ di sole e sembri nel tuo fiore,
ti fan corteggio, vedi, rose nuove.
Non ti incupire, non è questa l’ora
per il lamento. Verrà dopo il peggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...