S’apre il mattino alle finestre
coi consueti rumori – il bravo
camioncino della spazzatura,
il gracchiare degli uccelli in volo.
Sono intatti i miei tigli e quieti
dopo tanto notturno tumulto
di raffiche e tempesta. La vista
si conforta agli squarci d’azzurro
e al bianco di nuvolette lievi
che si stacca dai nembi ancora cupi
in contesa con il rame e l’oro
sulle torri e i tetti all’orizzonte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...