Fra poco, scomparendo i testimoni,
anche ai miei occhi sarò solo quella
che appaio ai ragazzini
e nelle vetrine del quartiere: una
senza passato e storia, nata così,
con i capelli bianchi e sovrappeso
– un personaggio fisso da fumetti,
una maschera del vecchio teatro,
senza infanzia e senza giovinezza,
eternamente identica a se stessa
fino a quando scompare dalla vista.

Sembra strano, ma in fondo non dispiace:
in questo modo, sotto queste spoglie
– oserei dire sotto questo burka –
riacquisterò una specie di innocenza
per le tante sciocchezze del passato
e gli sbagli senza più rimedio
– e, tra il viavai continuo sulla scena
finalmente io, inutile comparsa,
avrò un bel ruolo da caratterista
in questa fiction colossale, mista
di idillio, di horror e di commedia,
così astrusa e futile e poetica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...