Credo sia la dolcezza di un’estate
così simile a quelle giovanili,
che riporta il pensiero a certe amiche
rimaste nella luce del passato.
Se provo a ritrovare qualche cosa
della loro presenza,
mi riaffiora alla mente e quasi sento
il tono che si usava coi bambini
in campagna, la sera –
poteva essere una giovane zia,
o la madrina venuta con la corriera
da un paese lontano, più lontano
dell’ultima curva della strada.
Mi sentivo, a quel tono, speciale
e buona per giunta, amata nel cuore.
Nella sera che scende e si arrossa
la loro memoria è nel nome
che mi accoglie in quel tono alla porta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...