le piccole cose: il caffè

Che sollievo nel risveglio il pensiero
del caffè – la macchinetta, il profumo,
la tazzina…
Era così negli anni che alle sette
mi precipitavo all’auto ed al lavoro.
Era così dopo notti d’amore,
noi ancora un poco immersi
in un mare di spossatezza e sogno.
Era così persino lungo i giorni
risucchiati dall’ansia, una pietra
a gravarmi nel petto.
È così ora, nel silenzio dell’alba,
osservando dai vetri
il crescere del rosa dietro i tetti
– o più avanti nel mattino
discorrendo con un’amica al bar,
o in cucina come un tempo con la musa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...