colombelle

In cucina stanotte verso l’alba,
nella vaschetta dei saponi e spugne
per i piatti, ho visto un che di candido,
di morbido, di vivo: una colomba
dalle ali di magnolia, in sé raccolta
come dentro un nido. E vicino c’era
una sua gemella: respirava quieta
nascosta tra le carte del sacchetto
sospeso alla maniglia.
Mi sono allontanata molto piano
per non svegliarle, per non spaventarle.
Poi una lama di sole sul cuscino
ha spiumato il mio sogno e l’ha disperso
– ma è rimasto con me ancora e a lungo
un non so che di tenero e di vago.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...