decimo anniversario

Pomeriggio di luglio, come oggi –
più luminoso, meno settembrino,
con le cicale ossesse di calura
tra le foglie immobili dei tigli:
cominciai così con i miei versi.
Ero più lieve allora di dieci anni:
stavo bene, in pace con me stessa.
Scampata a un po’ di affanni e di tempeste,
credevo d’esser fuori dai perigli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...