I pomodori

Pomodori di Puglia sta scritto
sulla cassetta. E sono belli, rossi,
buoni per il sugo: già quasi ne sento
il profumo che riempirà la casa.
Ma il pensiero corre alle mani
che li hanno raccolti, alla pena
di uomini trattati come bestie
o schiavi, umiliati, lontani
dalle loro case – abbandonati
da ogni legge umana. Penso
ai loro occhi arrossati nel bruno
della faccia, alle loro schiene
curve sotto il sole – e al nero
denaro che dalle loro braccia
fluisce nelle casse di impuniti
criminali. E penso poi ai braccianti,
per cui lottò Di Vittorio,
alle rosse speranze di quegli anni.
E mi vergogno di questo nuovo
cupo medioevo, in cui senza memoria
scivoliamo, colpevoli, distogliendo
lo sguardo, parlando di tutt’altro,
comprando pomodori, in ansia solo
per il destino nostro personale –
quietando la coscienza con due versi
da esporre in un blog o magari
due foto in qualche social network.

5 thoughts on “I pomodori

  1. aitanblog ha detto:

    Una sconsolata poesia di cristallina bellezza. Un’autocritica che si prolunga nell’animo del lettore.

  2. Giovanni Monasteri ha detto:

    Pummaroru puglisi, viju scrittu
    nna cascitedda. E sunu belli, russi,
    boni pû sucu, ca già quasi sentu
    ‘u ciauru casa casa. Ma ‘u pinseri
    mi va a li manu chi li cugghiru,
    ad ‘a pena di l’omini trattati
    comu l’armali, schiavi, umiliati,
    luntani dâ so casa, bannunati
    di ogni liggi umana. Pensu a l’occhi
    russicati nni ddi facci niuri,
    a ddi carini curvi sutt’ô suli,
    ê sordi lordi chi ppi li vrazzi
    di sti puvreddi scurrinu nnê ‘i casci
    di criminali e genti malupilu.
    E pensu a l’antichi jurnatari
    ppi cui luttau bonarma ‘i Di Vittoriu,
    A li spiranzi russi di ddi anni.
    E mi vrigognu di sta nova ebbica
    tinta, unni senza mimoria
    sciddicamu curpevuli cu l’occhi
    attuppati ppi ‘un vìdiri, parrannu
    d’autru, accattannu pummaroru,
    proccupati dû nostru distinu,
    quitannu a cuscienza cu du’ versi
    di mustrari ntô blog, o macari
    dui futugrafii nnô social network.

    Mi permettu di fari a traruzzioni, picchì mi cummuviu, e picchì ti vulissi renniri i sirvizzi toi priziusi, ma ‘un ‘u pozzu fari mai, campassi cent’anni.
    Mi pirmittiu cocchi libbirtà puetica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...