la lingua degli altri

Chi mi nni fazzu iu dâ me poisia
uora ca sacciu chi nu’ sa parrari
e, puru quannu pari chi parrassi,
è dissapita, ca li so’ palori
‘un hannu patri e matri né famigghia?
Mi nisciru dâ scola e dê libbruna,
ppi mia sunu ‘na speci d’esperantu
e ‘un sannu né a vita, né l’amuri;
palori senza sancu, senza ciatu,
comu frumentu e oriu OGM
chi ‘un fanu simenza. E comu pozzu
siquitari a scriviri arrunzannu
vecchi palori mpristati o arrubbati
– o macari disiati di luntanu,
comu ‘i fimmini d’autri, ca macari
a taliàlli è piccatu – palori
chi si cangianu e sfannu nti li manu,
sciancati, friddi friddi, mpassuluti?

Rici ca su’ dummanni vagabunni –
ma iu t’i fazzu ô stissu – picchì è sira
e calanu pinseri fantasiusi,
o forsi picchì oggi è menzaustu
e idda, a musa, se ne jiu a passiari
o a circari la luna in cocchi puzzu.

_____________________________
Leggendo le poesie in siciliano di Giovanni Monasteri, m’è venuta voglia di provarmici anch’io – un po’ avventatamente, lo so, dato che non sono siciliana – e ho scritto questa ieri tutta d’un fiato.
Ringrazio Giovanni per la sua preziosa consulenza.

(traduzione: Che me ne faccio della mia poesia/ora che so che non sa parlare / e, anche quando sembra che parli,/ è senza sapore, che le sue parole non hanno padre e madre, né famiglia? /Mi sono venute fuori dalla scuola e da libri ponderosi, / per me sono una specie d’esperanto, / e non sanno nulla della vita e dell’amore;/parole senza sangue e senza fiato /come il frumento e l’orzo OGM / che non danno semenza. E come posso/continuare a scrivere raffazzonando/ vecchie parole prese in prestito o rubate / – oppure desiderate da lontano, /come le donne d’altri, che anche /a guardarle già si fa peccato – parolette/che mi si cambiano e disfano tra le mani,/zoppe, infreddolite, appassite?//Dici che si tratta di domande perditempo, /ma te le faccio lo stesso – perché è sera/ e scendono pensieri strani e vaghi, / o forse perché oggi è ferragosto / e lei, la musa, se n’è andata a spasso /o a cercare la luna in qualche pozzo.)

6 thoughts on “la lingua degli altri

  1. Giovanni Monasteri ha detto:

    Ma veru è chi ‘un si siciliana? Mancu ‘na rama ‘i parintela cu cocchi sicilianu? A mia mi pari cchiù siciliana ‘i mia. Oltre che poeta, in qualsiasi lingua. Sono veramente, veramente, veramente ammirato.

    • arden ha detto:

      No, io non ho nessuna parentela in Sicilia. Ma la musa aveva un bel po’ di conoscenze da quelle parti, ai tempi suoi.
      Le tue poesie devono averle risvegliato chissà quali memorie…

      Grazie per l’aiuto, Maestro – e per questi complimenti:-))

  2. ermione64 ha detto:

    Finalment a luna a rspunniu:
    Sugnu cuntenta ca to bellezza
    curuna arrera a vita mia .

  3. Giovanni Monasteri ha detto:

    Ma come scrivi sta Ermione? D’unni veni?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...