Ah, fossero i tigli già sfioriti
spenti a terra dalla pioggia,
e l’avessi scampata per quest’anno!
Macché. Tardiva invece quella febbre
di dolcezza eccessiva
già stasera o domani o in settimana
m’invaderà la casa di delirio
e allora, aiuto, non avrò riparo.
“Beh, non è il caso di drammatizzare:
lassù c’è chi ti ama. Come vedi
già si rabbuia in tuo soccorso il cielo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...