armonia

Se la pioggia ha spento in questo Aprile
il profumo di glicini e di acacie
e reso muto Maggio tra ventate
raggelandone gli ori mattutini,
un granello di colpa forse è mia
che ho sperato un inverno senza fine.
Un angelo dev’essere passato
che, ignaro di lettura tra le righe,
mi ha preso alla lettera, il pedante
– o forse per non far troppa fatica
ha scelto tra i vari desideri
il più facile a essere esaudito
perché in armonia con le alte sfere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...