È figlia del canto la mattina
e si schiude dal suo grembo aereo
in un accavallarsi trepido di onde
sempre più fitte, in un crescendo
di alte note acute,
finché appare la perla del suo viso
– e si quieta, si assopisce il canto
tra i veli sfilacciati della notte,
mentre salgono i rumori usuali
e riprendono i traffici del giorno.

3 thoughts on “

  1. Giovanni Monasteri ha detto:

    E’ bella.
    Ha dei preziosismi che non dispiacciono, specie tra altri canti di tono più dimesso (ma non meno piacevoli).
    Ciao!

    • arden ha detto:

      Oh Dio, Spero che i preziosismi casalinghi della musa non attirino le attenzioni e le reprimende di qualche grillino!…

      • Giovanni Monasteri ha detto:

        Che c’entrano i grillini? Loro non frequentano blog di poesia. E comunque spero proprio che se ne stiano alla larga.
        Subito dopo aver cliccato su ”invia commento” mi sono reso conto che “preziosismi” non è la parola giusta. Avrei dovuto solo dire che è bella.
        Ci ho perso la mano coi commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...