Con la sua lunga scopa da spazzino
la befana stanotte ha liberato
dai riccioli brunastri della nebbia
l’intero pavimento e l’ha forbito
sicché splende stamane trasparente
fino al confine dove le montagne
sono riapparse nette contro il cielo.
Questo il dono sorpresa del mattino
per noi, che non più buoni ormai da tempo
non ci aspettiamo niente – o ci proviamo,
malamente spazzando i nostri giorni
da avanzi di speranze e da illusioni.

4 thoughts on “

  1. Giovanni Monasteri ha detto:

    E ti sembra poco, il dono di un cielo limpido a gennaio. Oltre al dono di saper apprezzare doni come questo. Per non dire del dono impareggiabile di saper scrivere versi come questi, tersi come il cielo di ieri (e di stamani).

  2. Brian ha detto:

    Spazzare i nostri giorni / da avanzi di speranze… davvero bella, questa immagine. Piena di zeta poi, l’ultima lettera dell’alfabeto, sibilante e affilata come la ranza della mietitrice. Ma se il significante porta a tale significato, o stiamo diventando pa..i, o stanno diventando ca..i, in questo inizio 2012.
    Un saluto a due pen-friends che ritrovo insieme in questa pagina con grande piacere, l’Anna e il Mona. Un cher salut!

    • anna setari ha detto:

      La seconda ipotesi, quella con la C, mi sembra la più realistica. Anche la M può rendere l’idea: ci faranno un mazzo tanto in questo 2012…

      Forse, però, avrei fatto meglio a dire:
      “lietamente scopando notte e giorno
      e brindando a speranze ed illusioni.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...