Si è fatta difficile e non sempre
si lascia avvicinare in questi giorni
la mia musa che dorme o non mi sente.
Certo l’annoia questo parlare ansioso
di manovre, di conti e di mercati.
Come i passeri i gatti e le cicale
di queste cose non capisce niente:
le basta a dirsi viva la sorpresa
del rosa di un tramonto che si specchia
tra i veli della nebbia verso oriente
con la luna che sale e quasi è piena.

6 thoughts on “

  1. Forse la tua musa è come quei gatti che sembra che dormano, ma a guardare bene si vede un filo di oro giallo fra le fessure.

  2. Brian ha detto:

    Preferisco l’arancione della luce nel primo mattino. Golden slumbers…

  3. Brian ha detto:

    oggi ad esser sinceri
    par quasi primavera,
    irreale tepore
    spira tra i rami neri
    del tiglio senza odore
    di fiori quando è sera
    inoltrata, a maggio.
    Ma è dicembre, coraggio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...