È venuta la nebbia ieri sera
a schiacciare il suo naso alle finestre
e dato che insisteva nel guardarmi
le ho aperto benché fosse molto tardi.
È rimasta un po' incerta sulla soglia
come avesse paura di sporcare
o di non essere più riconosciuta
né cara più, con quel suo vecchio viso.
Poi in silenzio mi ha lasciato fare
quando io l'ho cercata da vicino 
nascondendo la testa nel suo scialle.
Sapeva d'infanzia e lontananze 
e pungeva di freddo e mandarino.

5 thoughts on “

  1. anonimo ha detto:

    Anche per me il mandarino è un annuncio dell'inverno, con quei suoi spiritelli che sprizzano dalla buccia.
    Hai mai fatto i lumini svuotandone uno e usando una mezza buccia; noi mettevamo dentro un po' di olio e uno stoppino fatto con filo grosso incerato che perfora un disco di cartoncino. Mi viene in  mente che adesso ci sono quei lumini piatti, e sarebbe un lavoro brevissimo. Un po' troppo breve forse per goderselo e senza la suspence "funzionerà? non funzionerà?".

    Ciao cara, dalla freddissima e limpida Monaco.

  2. arden ha detto:

    La nebbia di queste sere ha davvero un sapore antico. Sono tanti anni che non è più così frequente e per lo più le sue sono visite brevi, quasi sempre solo notturne.
    Del resto anche i mandarini si sono fatti rari. 
    Quanto ai lumini che dici tu, li ho visti solo da grande: la mia infanzia è stata piuttosto austera e parca di giochi.

  3. anonimo ha detto:

    Ho scelto i primi e gli ultimi versi e li ho messi in bacheca fb. Mi piace troppo l'accostamento delle parole e le emozioni e i profumi che evocano. Nidia

  4. Roberto Albani ha detto:

    Com’è dolce nascondere la testa nel profumo di qualcosa che ci ricongiunga con l’infanzia, con l’eternità dei ricordi

    • anna setari ha detto:

      Sì, Roberto: a volte certe sensazioni ne resuscitano immediatamente altre, antiche e quasi dimenticate – e ne siamo assaliti, con dolcezza.
      Ciao, sono molto contenta che tu sia passato di qui:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...