Il tempo delle rose è nel passato
o altrove, sotto stelle di regioni
che non è dato visitare – al Sud,
che solo vive in sogno.
Basta infine distoglierne il pensiero,
divagare, uscire dal tracciato,
prendere per i fossi annuvolati
e non voltarsi indietro.

12 thoughts on “

  1. proteus2000 ha detto:

    Te la copincollo in tedesco, visto che conosci tutte le lingue:

     

    Nun weiß man erst, was Rosenknospe sei,
    Jetzt, da die Rosenzeit vorbei;
    Ein Spätling noch am Stocke glänzt
    Und ganz allein die Blumenwelt ergänzt.

    Wolfgang Goethe, traduzione di Franco Fortini

  2. proteus2000 ha detto:

    Il tempo delle rose è quando la rosa fiorisce, ovunque fiorisca una rosa.

  3. arden ha detto:

    Appunto. Capita che fioriscano altrove.

  4. brianzolitudine ha detto:

    vorrei dirti ora le stesse cose
    ma come fan presto, amore,
    ad appassire le rose
    così per noi
     
    l'amore che strappa i capelli
    è perduto ormai,
    non resta che qualche
    svogliata carezza
    e un po' di tenerezza.

  5. anonimo ha detto:

    Stupenda!!!

  6. arden ha detto:

    "l'amore che strappa i capelli " è un verso che mi piaceva assai, una quarantina d'anni fa – nel tempo delle rose;-)

  7. colfavoredellenebbie ha detto:

    io amo la seconda fioritura.

  8. arden ha detto:

    Quella autunnale;-))

  9. anonimo ha detto:

    Ma bastaaaaaa… Là di fuori l'estate urla i suoi primi furenti roventi  ruggiti solari, e noi qui a parlare di rose autunnali! Per questo che poi vince il Silvio!

    Cmq, visto il mood della conversazione, mi adeguo postando la canzone vincitrice di Sanremo 1968 (annus mirabilis sed etiam antiquus) :p

    B.

    La festa appena cominciata
    è già finita.
    Il cielo non è più con noi.
    Il nostro amore era l'invidia
    di chi è solo,
    era il mio orgoglio,
    la tua allegria.

    É stato tanto grande ormai,
    non sa morire.
    Per questo canto e canto te.
    La solitudine che tu
    mi hai regalato,
    io la coltivo come un fiore.

    Chissà se passerà?
    Se un'altro amore
    la mia mano prenderá?

    Se a un'altra io dirò
    le cose che dicevo a te.

  10. arden ha detto:

    Direi che questa è una canzone piuttosto ottimistica e speranzosa. Il tipo che la canta si aspetta molto dal futuro;-)

  11. anonimo ha detto:

    Ottimismo non certo da 'sessantotto… se ci fosse stato il Prozac, Sergio Endrigo avrebbe perso di certo tutta la sua fascinosa verve depressivo-espressiva, che lo rendeva così bello e blue

    B.

  12. anonimo ha detto:

    Che belli quei fossi annuvolati!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...