La prima luna di quest’anno nuovo

mi è venuta incontro all'improvviso
a mezzo il ponte risalendo il fiume,
e quasi non credevo fosse vera
tanto era grande vista in primo piano,
tanto era bella tra i suoi veli e piume
e col viso soffuso di pallore.
A lungo ne ho percorso i lineamenti,
come quando dopo lunga assenza
si ritrova vicino chi si è amato
e si teme che sia soltanto un sogno,
tanto è simile alla memoria antica
e insieme nuovo, inedito, mai visto,
diverso perché uguale a come in vita.
Poi l'ho perduta, e solo a notte alta
è riapparsa tra i tetti, ma lontana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...