una ricetta della musa

Nell'ora in cui sul tardi il sonno svia
il corso dei discorsi postprandiali
e pesa sulle ciglia – benché fresca
sia la sera precoce di settembre – 
migriamo sui divani, dove irrompe
tra i lievi e un poco amari conversari
un segmento alieno estravagante,
fuoriuscito dal sogno – e prediciamo 
la lenta traduzione di maiali
dagli occhi azzurri e come vetro chiari  
in lonze marinate con le prugne
e il rosa di un intingolo di pesche.

2 thoughts on “una ricetta della musa

  1. anonimo ha detto:

    Suini ariani?Marinata fiabescaCon prugna e pescaB. ;-)

  2. AnnaSetari ha detto:

    È venuto benissimo il maiale con le pesche: rotondità molto erotiche a vedersi. E a mangiarsi pure;-))La ricetta tuttavia è segreta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...