Da Celti ora siamo vecchi Galli,
noi qui della terra delle nebbie,
e Galline da buon brodo o Gallette
biscottate – se non infauste Galle,
e cioè malformazioni delle foglie.
Ci conceda la sorte qualche tregua.
Non voglia Dio che non rimanga a galla,
tra tanti sgallettati gallinacci
e giulive pollastre sgallettate,
almeno un po’ di umanità gentile
– e civile, se lo sperare è dato.

3 thoughts on “

  1. colfavoredellenebbie ha detto:

    cara Anna, sì, almeno un po’ di umana gentilezza e di senso (estetico-politico) della misura…

  2. arden ha detto:

    Rideranno un giorno i nipoti di tutto questo? Io lo spero. E spero anche che non siano troppo sicuri di sé e dell’impossibilità del riproporsi di tali grottesche brutture, che ne capiscano l’insidia oltre che ridere dei loro padri: perché come noi siamo figli di quelli che applaudivano il fascismo, loro saranno i figli di questa generazione che applaude tali modi e acconsente a questa bruttura.

  3. aitan ha detto:

    popolo grullo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...