Torna ancora, contro ogni previsione,
la bella giornata di dicembre
e tenera si affaccia alle finestre
accarezzando i muri raggelati
e i tetti fino in fondo all’orizzonte
– e scioglie il volo ai passeri aggruppati
e ai pensieri imprudenti, malserrati
negli armadioni cupi dell’inverno.

6 thoughts on “

  1. brianzolitudine ha detto:

    Gli armadioni cupi dell’inverno, odore di canfora e di lavanda…

  2. unovalelaltro ha detto:

    tu l’hai cantata
    e quella ingrata
    se n’è andata

    buona giornata

  3. triana ha detto:

    Che meraviglia le giornate di sole fredde e terse a dicembre, quasi come un bel temporale estivo. Le une e gli altri liberano i pensieri,ma i passeri che fanno nel secondo caso?:))

  4. proteus2000 ha detto:

    Sembra quasi irrosoria, questa (bella) poesia su una bella giornata. Che poi furono solo due ore di sole.

  5. proteus2000 ha detto:

    Forse volevo dire derisoria…. Fa lo stesso

  6. arden ha detto:

    Gli armadioni cupi dell’inverno, @Brian, hanno dentro vento e tormenta in notti senza luna: se solo li dischiudi è un disastro.

    @ Uno, è vero: si vede che il canto non le è piaciuto (o lo dava per scontato).

    I passeri, @Triana, sono qui sul balcone a becchettarsi il pane sotto una pioggia che non smette (ma domani smetterà di certo:-))

    @Proteus, meno male che ci sei tu! Senza questi tuoi interventi duplici e talvolta triplici il numero dei miei commenti non arriverebbe a completare le dita di una mano;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...